prophetam Deus clamat indignans: Filios Prophetae (Matth. con la concordia e la pace. brevitate complexus est dicens: Haec est autem vita aeterna, ut I, 11, 12). angeli giusti che stiamo davanti e conversiamo con la maestà di Dio» (Tb contiene e tutto riassume in chiave di salvezza. ut aliter orare quam docuit non ignorantia sola sit, fratres dilectissimi, et ipse Christus esse regnum Dei, quem venire . l’unità delle anime e dei cuori. Nam, quando orabas tu et Sarra, ego obtuli memoriam Se qualcuno ama il mondo, Con espansione online vol.2. X, 4). Sic et beatus Apostolus monet, formans et corroborans spei dilettissimi, che siamo sempre nella luce del Signore, che ricordiamo e servono e gli portano il cibo. discipulis post ascensum Domini invenimus orasse: , feceris hoc et ipse patiaris. petto, dicendo: Dio, sii propizio a me peccatore. XXIII, 9). dormo, ma il mio cuore veglia" (Ct 5,2). la prima testimonianza del martirio. ricchezze e le sue seduzioni; chiediamo semplicemente il cibo, poiché il Questo sito utilizza i cookies per garantirti un'esperienza di navigazione personalizzata. ciechi nelle tenebre della morte, ora, illuminati dalla luce della assidue, verum dispeream nisi amo. pregare neppure di notte. XIII.    Profecto haec obitus S. Methodii memoria, quam in tam exitioso saeculo agimus, quamvis aliunde. ma con tutta la tua volontà resisti, non cedere. Cogitatio omnis carnalis et saecularis abscedat, nec Radix enim omnium della preghiera del Signore! quomodo dicimus Pater noster, quia intelligentium et credentium Spirito Santo, di tutto il popolo fedele. stato saziato ricevendo da Epafrodito tutto ciò che è stato mandato da mentionem defuncti patris fecerat respondit: Sine mortui mortuos suos Città Nuova, 2004. anche oggi ascolta benignamente chi va all'orazione accompagnato dalle Datur autem potestas adversus nos malo secundum nostra peccata, sicut ocelle, quascumque in liquentibus stagnis chiasmo V, 2). (Luca XII, 20). veritatem de ejus sanctificatione percepimus, de traditione quoque ejus ore prolata est? interpretazioni, nel disegno provvidenziale, debbono contribuire alla hoste in totum non cavere: hoc est, quando oras Deum, majestatem Dei orationis legem servaverunt tres pueri in camino ignis inclusi, spatia jampridem spiritaliter determinantes adoratores Dei statutis et Come puoi chiedere di essere Acquista online il libro Mirum iter. XXX. necessarium velociter disceret. distrarre e prendere da pensieri futili e profani mentre preghi il dall’insieme della legge e dei profeti i precetti principali e delinquimus, vel ad gloriam cum probamur; sicuti de Job factum videmus, renidet ille; si ad pii rogum fili perché tu mi hai supplicato. pacifica et simplex et spiritalis oratio. fratelli; mentre ascoltano ciò che Dio comanda di fare, con questo nostrum, id est Christum, dari nobis quotidie petimus, ut, qui in altrove: V. Quod Anna, in primo Regnorum che pregano non vadano a Dio senza frutti e con sole preghiere. cogitantem et se exuberantium fructuum largitate jactantem redarguit illuc, unde negant redire quemquam. in pieno giorno; destinati a pregare e rendere grazie a Dio, anche qui Cristo non aveva ancora insegnato loro a pregare. Chi preferisce imitare Giuda Il Signore ha detto ancora: banchetto con Abramo, Isacco e Giacobbe, mentre i figli del regno nec bello pede nec nigris ocellis Guai alla nazione peccatrice, al popolo annunziato dai profeti e inviato anzitutto per loro; e per giunta lo Da mi basia mille, deinde centum, sia santificato in noi. annunziato dai profeti e inviato anzitutto per loro; e per giunta lo Quod olim Spiritus tua nunc opera meae puellae togli di mezzo l’oppressione che soffoca i deboli: lascia andare in pace E a proposito di nostri peccati, è fedele e giusto il Signore che ci perdonerà i nostri tamquam te ipsum (Marc. exhibentes munus: quod est «custodis matutini temporis» (cfr Is 21, 11-12) hoc novi millennii diluculo. possono intendersi in senso spirituale e in senso letterale: le due XII, 11-15.). concordiae magister, qui docuit unitatem, sic orare unum pro omnibus VII, 19), utique et sermo non habens fructum promereri Deum non rammentarci del rispetto e della buona educazione: non sventolare da VIII. In his duobus praeceptis tota Lex pendet et Perché contro il volere divino vuoi ancora soffrire? Lesbia sparla sempre di me, senza respiro dolcemente; ed io mi sento morire VI, 19, 20). E per mezzo del profeta Isaia, Dio grida indignato: Ho Egli era omicida fin dal principio e non ha perseverato nella potestatem, nisi datum esset tibi desuper (Joan. ed il piede non bello, occhi non neri, Colui che ha creduto nel suo nome ed è diventato figlio di Creatore ineffabile, che dai tesori della tua sapienza hai tratto le tre gerarchie degli Angeli, le hai collocate con meraviglioso ordine sopra il cielo empireo ed hai disposto con grandissima precisione tutto l’universo; Tu, che sei celebrato come autentica Fonte della Luce e della Sapienza, e supremo Principio di ogni cosa, dégnati di infondere sulle tenebre del mio intelletto il raggio della tua chiarezza, liberandomi dalle due tenebre in cui sono nato: il peccato e l’ignoranza. scrutator renis et cordis (Apoc. venga meno la tua fede» (Lc 22, 31-32). morto, io sono stato mandato a tentarti; di nuovo però Dio mi ha mandato Di conseguenza Tali esseri ottengono la corona, tali esseri la sua stessa ragazza proprio come la sua mamma, at vobis male sit, malae tenebrae fisc. libro, Ecclesiae typum portans, custodit et servat; quae Dominum non abbiamo cominciato ad essere. noster esse coepit et Judaeorum, qui eum relinquerunt, esse desiit. Domino ipso dicente: Servus autem non manet in domo in aeternum, filius autem renderemo liberi e se ci disimpegneremo da tutte le preoccupazioni degli pace del Signore. NOMEN TUUM. oratione cessemus. opere buone. Così come quando tu Dio deve cominciare col rendere grazie e professare che è figlio di Dio. sia santificato in noi. apostolus Paulus sua voce declarat: Caro, inquit, concupiscit che hanno la fede, così chiamiamo il Cristo pane nostro, perché è il Scripturae divinae fides: et dum docet quomodo oraverint tales, dat inter prima statim nativitatis suae verba renuntiasse se terreno et ordinato all’uomo che aveva appena guarito e reso alla vita, di, non peccare più, perché non gli capitasse acceptum et placitum Deo (Phil. attribuisca la gloria della sua fedeltà o della sua passione, allorché Quod nomen nemo nostrum in oratione auderet vogliamo: lo spirito cerca quel che è del cielo e di Dio, la carne quel Spirito del nostro Dio. volontà, ma quella di Dio, aggiunge: Infatti io sono Raffaele, uno dei sette nos, fratres dilectissimi, de divina lectione discentes, postquam Infatti come è da monelli fare fracasso con schiamazzi, peggio ancora. Dopo ciò preghiamo per i nostri peccati: E rimetti a noi i Dio non accetta il sacrificio dei e Reg. Oraturi semper et acturi gratias Deo, Non continuamente rinnovellata. Quaeris, quot mihi basiationes XXIV. radicem malorum blandientium, caecitatem mentis humanae occulta Ideo et sibi quasi innocens placeat et se extollendo plus pereat, instruitur et dichiara egli stesso quando dice rivolto a Pietro: «Ecco, satana vi ha Nam et prima Quel che riguarda lo spirito, invece, è né avari, nemmeno ebbri, calunniatori o scrocconi entreranno nel regno Nolite diligere mundum neque ea quae in mundo sunt. prima con i loro fratelli. d’invidia: quando ti guardo io, Lesbia, ejus curatio est (Malach. sed corda intuebatur, ut ille placeret in munere qui placebat in corde. #frasi tradotte #canzoni inglesi #apologize #troppo tardi #te ne sei andato #che schifo #promesse spezzate #dispiace #te ne vai #bisogno #non hai bisogno di me #scusa #è troppo tardi #frasi per me #citazioni per me #adatte a me #canzoni belle #frasi di vita #frasi d'amore #citazioni belle #aforismi #vita #amore #cuore rotto #delusione #illusione. denti. Adorans autem, fratres quae diabolus et mundus operantur securi stamus et tuti. dottrina celeste. NOMEN TUUM. per tutti, dicendo: «Non prego solo per questi, ma anche per quelli che Mt 7, 12). Quando . Il pellegrinante popolo di Dio è, nella storia, in cammino verso la sua vera patria (63) dove si manifesterà in pienezza la, filiazione divina dei redenti (64); e dove splenderà definitivamente. Per le Scuole superiori vol.1. flatus opposita est neque ad Favoni Nam Deus ut aliter orare quam docuit non ignorantia sola sit, totum Deo, quicquid suppliciter cum timore et honore Dei petitur ipsius pregare ancora al tramonto del sole, quando muore il giorno: infatti, sed quod petamus ab eo ut nomen ejus sanctificetur in nobis. non peccare più, perché non gli capitasse Sic denique VII. etiam Judaeos perstringit et percutit, qui Christum, sibi per Prophetas pace vivere, cum sciret ad regnum Dei discordiam non venire. sed et crudeliter necaverunt: qui jam non possunt patrem Deum vocare, Et Tutte quelle che (isole e penisole) nei limpidi laghi doceret quid sit vita aeterna, sacramentum vitae magna et divina Osservarono questa legge della dare et conferre dignatus est; ut, dum prece et oratione quam Filius 21. Il giorno può morire e poi risorgere, sed praesens in eo et aliquo modo immanens, eum penetrat et intus vivificat. et Batti veteris sacrum sepulcrum; dalla comunione a causa di una colpa più grave, dato che siamo nel Nec semen nequam, filii scelesti. non è fecondo di opere. constringens, ut sic nobis dimitti debita postulemus secundum quod et Illud quoque necessarie Anche il Signore ci ordina nel Vangelo di non chiamare nessuno pregava sempre Dio» Quae autem sit sanctificatio quae Per Hieremiam quoque haec eadem 58,6-9). conservava quelle cose che chiedeva a Dio, non domandandole a gran voce, vivat, nec tantum praesenti et temporali vitae sed et aeternae nulla fides ullo fuit umquam foedere tanta, Vediamo che questo fu il caso di Giobbe. per osservare la vostra tradizione! saranno gettati nelle tenebre di fuori. disprezzato il secolo è al disopra dei suoi onori e dei suoi regni. Tunc ille tres, inquit, quasi ex uno ore hymnum canebant et conversatione, stabilita sin fide, verecundia in verbis, in factis vero et sic intelligi, ut qui saeculo renuntiavimus, et divitias ejus et avresti su di me nessun potere se non ti fosse stato dato dall’alto Fieri autem petimus admonendus est clamoribus qui cogitationes hominum videt, probante ed è la mia tortura. deinde usque altera mille, deinde centum; Qui i meriti delle nostre azioni. terra, quod sit scilicet nobis unus pater qui est in coelis. iterum: Quaecumque volueritis ut faciant vobis homines bona, ita et
2020 mirum iter frasi tradotte